News

Proroga concessioni demaniali: Cna ne parla con l'assessore Scajola ad Ameglia lunedì 11 febbraio alle ore 18

CNA La Spezia ha organizzato un incontro pubblico sul Demanio Marittimo relativo ai provvedimenti per il prolungamento della durata delle concessioni demaniali.

7 febbraio 2019
L’iniziativa si terrà lunedì 11 febbraio 2019 alle ore 18.00 nella sala consiliare del Comune di Ameglia e vede la partecipazione dell’Assessore Regionale al Demanio Marco Scajola, oltre al sindaco di Ameglia Andrea De Ranieri, alla coordinatrice regionale CNA Balneatori Sonia Carolì e alla referente sindacale CNA Nautica La Spezia Giuliana Vatteroni.
All’interno della Legge di Bilancio sono state inserite ed approvate misure a favore del comparto balneare gravemente penalizzato dalla maldestra applicazione della Direttiva Bolkenstein.

Le misure riguardano principalmente una proroga di 15 anni della concessione demaniale a favore sia delle imprese il cui titolo concessorio fosse stato rilasciato anteriormente al 31 dicembre 2009 sulla base dell’articolo 1 comma 683 della stessa legge di bilancio, sia delle concessioni rilasciate successivamente a tale data sulla base del comma 682 ma anche a favore delle cosiddette concessioni “pendenti” alla data del 31 dicembre 2009.

“L’istanza di vidimazione, presso il Comune che ha rilasciato le stesse, consentirà la prosecuzione dell’attività per ulteriori 15 anni - spiega la coordinatrice provinciale e referente della nautica Cna La spezia Giuliana Vatteroni – i balneari potranno così investire e lavorare più serenamente, perché anziché una scadenza della concessione al dicembre del 2020 hanno una prospettiva fino al 2033. CNA a livello nazionale, prima ancora che uscisse la legge di bilancio, ha elaborato in collaborazione con uno studio legale fiorentino le istanze che le imprese dovranno presentare per dare seguito a quanto deciso dal Governo. Restiamo a disposizione per dare consulenza alle imprese che vogliono capire se e in che misura rientrano nella proroga della Bolkestein. Anche le darsene che effettuano attività turistico ricreativa rientrano nel provvedimento, ma occorre leggere nel dettaglio la concessione per capire se si hanno gli specifici requisiti. L’incontro con l’Assessore Regionale al Demanio Scajola servirà anche a questo – conclude Vatteroni – e ad analizzare il futuro dei balneari e delle darsene”.

Pagina generata in 0.32716012001038 secondi