News

FORMAZIONE 4.0: SIGLATO L’ACCORDO INTERCONFEDERALE

9 aprile 2019
Nella giornata di martedì 19 marzo 2019, la CNA insieme alle altre Organizzazioni datoriali e CGIL, CISL e UIL ha sottoscritto un Accordo Interconfederale in materia di Formazione 4.0.

Il presente Accordo rimarca ancora una volta la centralità della contrattazione e il ruolo delle Parti Sociali, sia a livello nazionale che a livello territoriale, per governare i cambiamenti e per trasformarli in nuove opportunità.

Già dallo scorso anno, il Legislatore ha previsto il beneficio di un credito d’imposta per le aziende che effettuano spese per le attività di formazione del personale per acquisire o consolidare le conoscenze tecnologiche previste dal Piano Nazionale Impresa 4.0.

La normativa prevede che, affinché le imprese possano beneficiare dello strumento, è necessario che lo svolgimento delle attività di Formazione venga disciplinato all’interno di contratti collettivi di secondo livello, depositati ai sensi di legge.

Con l’Accordo sottoscritto, le Parti Sociali nazionali hanno inteso incentivare la sottoscrizione di contratti territoriali, individuando uno “schema tipo” di accordo che può
essere replicato a livello territoriale, anche con eventuali integrazioni o modificazioni.

Vengono fatti salvi eventuali accordi già sottoscritti a livello territoriale.

Il campo di applicazione è esteso a tutte le aziende che conferiscono mandato alle organizzazioni datoriali firmatarie e/o che applicano i nostri contratti collettivi.
L’accordo si compone anche di uno schema di Piano Formativo Aziendale, che la singola azienda potrà compilare, indicando tutte le caratteristiche del piano formativo, e inviare alla Commissione territoriale/Osservatorio competente prima dell’inizio del percorso di formazione.

L’intesa raggiunta è stata fortemente voluta dalla nostra Confederazione, in quanto riveste un ruolo fondamentale per guidare il processo di ammodernamento delle nostre imprese e rimarca, ancora una volta, la centralità della contrattazione e il ruolo delle Parti Sociali per governare i cambiamenti e trasformarli in nuove opportunità.

Pagina generata in 0.2918689250946 secondi